Roma chiama, Milano risponde. Presidi permanenti davanti ai teatri

Se qualcuno credeva che dopo la pausa estiva il movimento dei lavoratori dello spettacolo dal vivo si fermasse, si è sbagliato di grosso. Sempre più forti e soprattutto sempre più uniti, questo mondo si è di nuovo rimboccato le maniche, ancor più agguerrito dopo le nuove chiusure, che preannunciano un lungo periodo di stop ma soprattutto una difficilissima ripresa.

Ho cominciato a parlarne a Radiosonar , ed è diventato un appuntamento settimanale. Ogni mercoledi alle 16 cercatemi, perché non smetterò di parlare dei nostri diritti, di un cambio di sistema, e della creatività con cui rivoluzioneremo questo mondo.

Nella prima puntata con l’aiuto di Diego Sepe ho cominciato a mettere in fila le rivendicazioni che stiamo portando in piazza dal 30 ottobre:

Nella seconda ho seguito invece i presidi, davanti al Teatro Argentina, ormai permanente, e davanti al Mibact sabato 7, confluito poi nella manifestazione comune. Perché comuni sono i diritti.

Oggi gli artisti milanesi hanno risposto alla chiamata da Roma, e si sono piazzati davanti al Piccolo teatro.

Non mi dilungo oltre perché trovate tutto nei podcast, ascoltateli, e continuate a seguirmi, perché non smetterò di parlarne con tutti voi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...