PARLA CON LEI, IL LABORATORIO DELLA VAGINA provoca l’incontro

Le discussioni fioccano. Confronto e scambio si stanno facendo fittissimi. Condivisione e carica reciproca, a volte disaccordo. Sale per l’intelligenza, per sfoderare argomenti, mettersi in gioco. Questo è quel che sta producendo IL LABORATORIO DELLA VAGINA dalla sera della prima.

Con il risultato di avere la platea stracolma ogni sera, pronta a lasciarsi provocare tanto nelle risate quanto nella riflessione. E noi che siamo in scena felici e commosse di quanto abbia pagato il nostro lavoro davvero laboratoriale, lo slancio nel nostro metterci in gioco, la capacità di Patrizia di farne una regia equilibrata, e il coraggio e la determinazione di tornare al Fringe, per poter lanciare e diffondere il progetto PARLA CON LEI.

E quale migliore terreno di uno spettacolo che già comincia a far discutere? Già aver riportato nei giusti binari il tema della violenza sulle donne, troppo strumentalizzato dai media per parlare d’altro – mentre fioccano grazie alle ong notizie quotidiane di spose-bambine, di schiave-bambine (giusto oggi che il papa è in Colombia, i media fanno a gara a denunciare questa piaga – 11 milioni nel mondo…), è un risultato strepitoso.

Ma non solo il tema della violenza, anche quello della relazione uomo-donna. E se la questione dei femminicidi, dello sfruttamento del corpo della donna, della strumentalizzazione creano più facilmente un fronte comune (che è solo la premessa dell’azione) il rapporto attraversa tutti come una lama bruciante, e mette sulla graticola fragilità, orgoglio, contraddizioni, difese.

Ieri sera erano con noi anche Andrea Bernetti del CAM (Centro Ascolto uomini Maltrattanti) e Stefano Ciccone dell’associazione Maschile, Plurale.  Uomini che hanno avviato un percorso di cambiamento con altri uomini, e che partecipano al progetto PARLA CON LEI in diversi appuntamenti. Per raccontare il percorso di queste due associazioni, portare video documentari, creare workshop dove gli uomini vogliano mettersi in gioco come abbiamo fatto noi con IL LABORATORIO DELLA VAGINA. E primo in ordine di apparizione il fotografo Sergio Battista, che non solo ci ha immortalato durante lo spettacolo, ma sarà alla serata di apertura con il suo libro LA VOCE DELLE DONNE.

Appuntamenti del progetto che andrà avanti per tutta la stagione a TeatroCittà, preziosi per accendere un faro sul “lato nascosto della luna” e guardare in faccia tutti i meccanismi acquisiti di una cultura che perpetra maschilismo e violenza, scoprendone manipolazioni e leve sedimentate da millenni tra le pieghe dell’anima. Che troppo spesso sono chiamate amore, anche dalle donne.

Per sostenere la campagna: https://www.produzionidalbasso.com/project/parla-con-lei/

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...