Niente di più vero. “Pasolini gioca ancora!” a Pietralata

PasoliniAmore. Corrente. Allegria, tristezza, pena, risate, terra carne sangue umori… solo un fiume di parole che non basta a dire la bellezza semplice di questo spettacolo-partita di calcio che Giorgio Barberio Corsetti ha realizzato con alcuni attori insieme ai ragazzi di Pietralata, che il campo Liberi Nantes del quartiere lo curano, lo mantengono, e ci giocano.

Dalla parte di Albarossa, la squadra storica di quello che al tempo di Pasolini era il Partito Comunista, cioè un partito che nei quartieri viveva e dai quartieri prendeva la sua linfa vitale, e dalla parte di Liberi Nantes, la squadra formata dai ragazzi africani emigrati e integrati in quella comunità, e che quella comunità contribuiscono ad alimentare con il loro apporto, determinando una reciproca integrazione.

puttana_e_calciatori

Questo è l’humus dentro il quale Barberio Corsetti ha scelto di onorare Pasolini, gridando “Pasolini gioca ancora!” fin dal titolo, per lasciar poi attraversare la partita da puttane dai corpi offerti nelle ballate romanesche, onorando la carne come poesia alla faccia dei sepolcri imbiancati. E insieme a loro, una sfilza di altri personaggi smascherati dal ridicolo della falsa coscienza.

Così il ministro diventa il personaggio comico e sputtanato privo di qualunque ascendente, mentre due drop out conquistano la scena con il loro candore incosciente, e così il poliziotto-ragazzo-del-sud, capace di smascherare se stesso cercando un altro Egitto.

ministro_poliziotto_puttanaE quando interviene l’arbitro-tutore-dell’ordine per espellere chi rompe lo schema, interviene proprio lui, Pierpaolo, sempre presente in campo, con un microfono e un cameraman, per restituire la parola a chi non avrebbe potuto averla. E allora sentiamo il racconto del ragazzo venuto dal Ghana, o di quello arrivato dal Mali, le traversie, il dolore, il danno. E la speranza. Riposta nel lavoro attento per mantenere il campo, per costruire gli spalti, e insieme nuove, umane relazioni.

Cura, è la parola che meglio esprime la sua dedizione, quella di tutti i ragazzi e degli attori, quella di Barberio Corsetti. La stessa che avrebbe avuto Pasolini.

le_squadre

 

 

2 comments

  1. iannart · novembre 11, 2015

    ho visto la partita. E ancora oggi è vivo, nella mia memoria, il senso di una coralita’ che palpita di vita, il gioco di tante voci e corpi che qua e la’, nel rettangolo del campo, all’improvviso si son andate animando, cogliendomi di sorpresa, spesso, e reclamando attenzione, anche per un solo momento, per narrare la propria storia, con toni da psicodramma, alcune, o da commedia o, semplicemente, di vita ‘de borgata’.
    Rettangolo? ma che dico! piazza, arena, palco, agorà, fin sopra le gradinate per il pubblico.
    Tornato ad essere, poi, un campo di calcio. Uno dei tanti, ma non uno qualsiasi per chi l’ha tirato su, pietra su pietra, con sudore. Si, niente di piu’ vero, Pasolini ha giocato ancora e il ricordo non svanira’

    "Mi piace"

  2. Pingback: Niente di più vero. “Pasolini gioca ancora!” a Pietralata | Orto Sinergico di Aguzzano

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...